Passa ai contenuti principali

"Il testimone" Juan José Saer La Nuova Frontiera

 

"Il testimone" Juan José Saer La Nuova Frontiera 



" Prima distante, ora il capitano era remoto: sembrava galleggiare in una dimensione inaccessibile."


Indefinito, impalpabile, inaccessibile è l'universo abitato da "Il testimone", pubblicato da La Nuova Frontiera.

Un giovane mozzo e il viaggio alla scoperta delle Indie.

Le risonanze storiche si sgranano e si sparpagliano grazie al costrutto del romanzo.

Dal paesaggio che cambia tonalità all'immensità di un mare che si sfrangia in immagini oniriche, dal percorso avventuroso allo studio astrologico.

Dalle figure abbozzate dei compagni alla trasformazione metafisica del protagonista.

Prigioniero in una terra sconosciuta abitata da mangiatori di uomini, il protagonista è costretto a non cedere alle lusinghe di un universo misterioso.

Corposo nella struttura, composito nella forma, il testo identifica nello scontro tra culture differente il bisogno di trovare un nesso.

Comprendere prima di andare avanti, negare l'istinto e affidarsi alla ragione.

Juan José Saer al suo protagonista affida il compito arduo di testimoniare i fatti.

Si dissolve la realtà assumendo forme dove l'ignoto invade il testo, lo colora grazie a stratificazioni metaletterarie, improvvisazioni, accelerazioni e incantamenti.

Un testo da leggere per imparare a non essere prevenuti nel giudizio degli altri.



Commenti

Post popolari in questo blog

"I lupi dentro"Edoardo Nesi La Nave di Teseo

  "I lupi dentro" Edoardo Nesi La Nave di Teseo Non credo che "I lupi dentro", pubblicato da La Nave di Teseo, chiuda un cerchio. È il teatro che irrompe con la sua vitalità in una brillante ricollocazione dei personaggi che già conosciamo. Torna Fede Carpini che avevamo incontrato in "Fughe da fermo". Cambia lo scenario storico e politico, resta un'elegia malinconica che pervade le pagine. Si è conclusa un'epoca lasciando macerie e nelle vicende del protagonista è inscritta la traiettoria italiana. Ancora una volta Edordo Nesi ci regala un romanzo collettivo, una voce corale dove la memoria è un pericoloso cunicolo. Giocando sul passato e sul presente, sui cambiamenti di tonalità, sui falsi miti degli anni Ottanta, l'autore scolpisce quel che eravamo e quel che siamo diventati. Il tracollo economico è solo un pretesto per accendere le luci su un'economia che ha spazzato via un apparato produttivo fertile e creativo. Lo scrittore registra c

"Un giorno e una donna" Nicoletta Bortolotti Harper Collins Editore

  "Un giorno e una donna" Nicoletta Bortolotti Harper Collins Editore “Fammi aggrappare un istante all’àncora del tuo ancóra, e se di me non resterà niente nella memoria di altri, voglio che resti qualcosa nella tua. Voglio durare dentro di te un poco, tu che dentro di me sei durata la vita”. La Poesia incontra la Storia e nasce "Un giorno e una donna", pubblicato da Harper Collins Editore. Un merletto di fonemi su un tela preziosa. L'incanto di una scrittura che sa trasmettere emozioni. Il sussurro di un tempo complesso, il 1400, che diventa presente. La lirica di una città come Parigi che appare e scompare come uno scorcio di insopportabile bellezza. Una donna e il suo canto che sublima la maternità. Una figlia che ha scelto la distanza e il raccoglimento di un monastero. Il dialogo epistolare che diventa abbraccio, libertà di confronto, adesione ad un progetto di avvicinamento. Christine de Pizan, prima scrittrice e storica, ha finalmente il suo meritato spaz

"Tutto qui" Nicola Guarino Graphe.it Edizioni

  "Tutto qui" Nicola Guarino Graphe.it Edizioni  "È così Napoli, una voce che si spande vanamente." La scrittura di "Tutto qui", pubblicato da Graphe.it Edizioni, ha la consistenza di una brezza che si posa sugli oggetti con leggerezza. Di un canto d'altri tempi. Di profumi dimenticati. Di incontri che sfumano nel ricordo. Di sogni che si scontrano col reale. Di strade dove ognuno segue la sua ombra. Di silenzi assordanti. Di amori sfioriti e di abitudini stancanti. Di musiche segrete. Di partenze e scomparsi senza nome. Di stelle e di cieli infiniti. Di solitudini struggenti e di rimpianti nei cassetti. Nicola Guarino costruisce i racconti come fossero spezzoni di film. Li colloca in un Sud sconosciuto, filtrato dalla poetica di una memoria ancestrale. Un gesto, un incedere, un dettaglio nella perfezione di uno stile narrativo compatto e mai artefatto. Fotografie che " salvano dalla morte e dall'oblio."