Passa ai contenuti principali

"Ultracorpi" Francesca Marzia Esposito minimum fax

 

"Ultracorpi" Francesca Marzia Esposito minimum fax 



"Un corpo troppo grosso o troppo magro vive della stessa illusione di sentirsi al sicuro dagli attacchi esterni. Si confina. La massa crea un argine invalicabile, così come le ossa. Il corpo diventa un’isola protetta. Si vive nell’idea confusa che la chiusura serva a protezione. Lui si è sentito forte ricoperto dai muscoli, io mi sono sentita inattaccabile svuotata delle carni."

Francesca Marzia Esposito parte dall'esperienza personale nel suo (nostro) "Ultracorpi", pubblicato da minimum fax.

Un fratello, una sorella e i poli opposti di una stessa "ricerca utopica di perfezione."

Il saggio diventa uno specchio nel quale dovremo avere il coraggio di guardarci.

Senza alibi, senza inutili giri di parole.

L'analisi sviluppata dall'autrice mette a nudo il conflitto tra interiorità ed esteriorità, tra massa e vuoto, tra desiderio e ossessione.

Voler essere altri?

Distinguersi o essere diversi?

Affidare al corpo quel messaggio che non riusciamo a pronunziare, sfidare il limite della resistenza fisica e mentale.

Tante le sollecitazioni accompagnate da esempi che aiutano ad entrare nelle dinamiche di una subcultura che ci pretende immacolati.

Esseri come macchine, senza anima e pensiero.

"Il corpo è la cosa di cui possiamo disporre senza chiedere il permesso. E lì scolpiamo la nostra diversità, ceselliamo il nostro rifiuto, la voglia di eccedere, di forzare, di essere. Credersi padroni del proprio corpo è una bugia molto convincente."


La scrittrice offre l'opportunità di rivedere il nostro concetto di bello, perfetto ma anche di insoluto, frammentato, dissociato.

Lo fa con un linguaggio scorrevole, molto diretto.

Le sue parole ci mettono all'angolo e per uscirne dobbiamo imparare ad accettarci.

Da leggere e far leggere, da proporre per stimolare il dibattito, per cercare di far coincidere l'essere e il non essere.

Commenti

Post popolari in questo blog

"I lupi dentro"Edoardo Nesi La Nave di Teseo

  "I lupi dentro" Edoardo Nesi La Nave di Teseo Non credo che "I lupi dentro", pubblicato da La Nave di Teseo, chiuda un cerchio. È il teatro che irrompe con la sua vitalità in una brillante ricollocazione dei personaggi che già conosciamo. Torna Fede Carpini che avevamo incontrato in "Fughe da fermo". Cambia lo scenario storico e politico, resta un'elegia malinconica che pervade le pagine. Si è conclusa un'epoca lasciando macerie e nelle vicende del protagonista è inscritta la traiettoria italiana. Ancora una volta Edordo Nesi ci regala un romanzo collettivo, una voce corale dove la memoria è un pericoloso cunicolo. Giocando sul passato e sul presente, sui cambiamenti di tonalità, sui falsi miti degli anni Ottanta, l'autore scolpisce quel che eravamo e quel che siamo diventati. Il tracollo economico è solo un pretesto per accendere le luci su un'economia che ha spazzato via un apparato produttivo fertile e creativo. Lo scrittore registra c

"Tutto qui" Nicola Guarino Graphe.it Edizioni

  "Tutto qui" Nicola Guarino Graphe.it Edizioni  "È così Napoli, una voce che si spande vanamente." La scrittura di "Tutto qui", pubblicato da Graphe.it Edizioni, ha la consistenza di una brezza che si posa sugli oggetti con leggerezza. Di un canto d'altri tempi. Di profumi dimenticati. Di incontri che sfumano nel ricordo. Di sogni che si scontrano col reale. Di strade dove ognuno segue la sua ombra. Di silenzi assordanti. Di amori sfioriti e di abitudini stancanti. Di musiche segrete. Di partenze e scomparsi senza nome. Di stelle e di cieli infiniti. Di solitudini struggenti e di rimpianti nei cassetti. Nicola Guarino costruisce i racconti come fossero spezzoni di film. Li colloca in un Sud sconosciuto, filtrato dalla poetica di una memoria ancestrale. Un gesto, un incedere, un dettaglio nella perfezione di uno stile narrativo compatto e mai artefatto. Fotografie che " salvano dalla morte e dall'oblio."

"I dieci passi dell'addio" Luigi Nacci Einaudi Editore

  "I dieci passi dell'addio" Luigi Nacci Einaudi Editore  "La casa senza amore di giorno non esiste. Puoi in qualche modo tenere a distanza i pericoli. Il rumore del traffico, le voci dei vicini, i canti degli uccelli o i latrati dei cani possono distrarti. Non hai coscienza di essere al mondo, sei sospeso." Raccontare la fine di un amore significa entrare nello spazio angusto della sconfitta. Rivivere momenti, rielaborare il senso di perdita, cercare un senso allo stato di abbandono e di estraneamento. Ricostruire l'Io scindendolo dal noi. Imparare ad abitare il luogo condiviso, dare un nome alle stanze, sentirsi profughi senza identità. "I dieci passi dell'addio", pubblicato da Einaudi Editore, è pura poesia. È il coraggio di interrogarsi sulla relazione amorosa, rivederne la luce dell'incontro e il buio di un abbraccio negato. "Il mondo viene sommerso. Le terre, i cieli. È un dolore che può raggiungere la luna. Oscurarla." La d