Passa ai contenuti principali

"Radio Magia" Valerio Aiolli minimum fax

 


"Radio Magia" Valerio Aiolli minimum fax








"Volevamo incantare il pubblico, farlo evadere da una realtà pesante, dalla lotta armata e dalle crisi di governo, dai lacrimogeni e dalle svalutazioni ricorrenti."



"Radio Magia", pubblicato da minimum fax nella Collana Nichel, porta indietro le lancette del tempo, regalandoci una storia ambientata negli anni settanta.
Anni difficili, pesanti, ingrigiti dalla lotta armata, il sequestro Moro, la diffusione delle droghe pesanti.
Protagonisti un gruppo di giovani che spaesati non si sentono di appartenere ad un mondo che sembra stia collassando.
Decidono di aprire una radio libera, una delle tante, per far sentire le loro voci, sperimentare l'aggregazione intorno a un progetto comune, condividere la passione per la musica.
Un'unica voce narrante presenta i compagni di avventura con pochi tratti che ne delineano i caratteri.
Capitoli brevi come piccole vignette di un quotidiano in evoluzione.
Uno scantinato che piano piano si anima, diventa luogo di confronto mentre sempre più si sente l'alito caldo di qualcosa in divenire.
Le ragazze, i nuovi arrivati, la scelta dei brani, le idee geniali di Caputo, figura centrale nella narrazione, il malessere interiore di Gilles, lo sguardo distratto delle famiglie: un carosello di immagini luminose, schiette, sincere.
Valerio Aiolli scrive un memoriale con la perizia dell'investigatore.


"L'inverno si era incistato dentro la città.
Prima di infilarci nelle due stanzette della radio uscivamo a camminare con il fiato che ancora diventava vapore.
In altre strade, sirene della polizia tracciavano scie imperscrutabili; i carabinieri ai posti di blocco ci osservavano senza parlare, la mitraglietta a tracolla."


L'autore riesce a tracciare le linee imperfette del diventare adulti, offre spazio a chi ieri come oggi si sente fuori posto, racconta un sogno diventato realtà.
Nelle sue parole scorre la linfa del sentimento, una lieve brezza malinconica e lo struggente ricordo di una generazione.
Un omaggio a coloro che non ci sono più, un intrigante viaggio musicale, la voglia di espiare le colpe.


"Era davvero arrivato il momento di cambiare lingua.
Di inventarci un nuovo alfabeto, un nuovo sguardo.
Di ascoltare attentamente cosa il mondo aveva da dire, al di là dei telegiornali e degli slogan."


Bellissimo invito che arriva carico di speranza.
Per non dimenticare di dire al mondo:
Noi ci siamo!

Commenti

Post popolari in questo blog

"Voltare pagina Dieci libri per sopravvivere all'amore" Ester Viola Einaudi Editore

  "Voltare pagina Dieci libri per sopravvivere all'amore" Ester Viola Einaudi Editore  "Eccola lì la letteratura: è quando le cose perdono la punta, l'ago e il veleno." " Voltare pagina Dieci libri per sopravvivere all'amore", pubblicato da Einaudi nella Collana L'Arcipelago racconta chi siamo. Riesce attraverso personaggi differenti a mostrare il nostro rapporto con noi stessi e con il sentimento amoroso. Un libro che esplora l'universo maschile e femminile con una lucidità tagliente e molto divertente. Dietro ogni storia non c'è solo l'approccio al partner, la delusione, i sogni falliti, le debolezze. C'è un'epoca che nell'idealizzare l'oggetto del desiderio perde la capacità critica, inventa un finale che non corrisponde alla realtà. Camilla e la paura di essere ferita, Diana desiderosa di sentirsi necessaria, Ira pronta ad accontentarsi, Berenice e "il dolore che non passa", Alessandra alla ricerca

"Un giorno e una donna" Nicoletta Bortolotti Harper Collins Editore

  "Un giorno e una donna" Nicoletta Bortolotti Harper Collins Editore “Fammi aggrappare un istante all’àncora del tuo ancóra, e se di me non resterà niente nella memoria di altri, voglio che resti qualcosa nella tua. Voglio durare dentro di te un poco, tu che dentro di me sei durata la vita”. La Poesia incontra la Storia e nasce "Un giorno e una donna", pubblicato da Harper Collins Editore. Un merletto di fonemi su un tela preziosa. L'incanto di una scrittura che sa trasmettere emozioni. Il sussurro di un tempo complesso, il 1400, che diventa presente. La lirica di una città come Parigi che appare e scompare come uno scorcio di insopportabile bellezza. Una donna e il suo canto che sublima la maternità. Una figlia che ha scelto la distanza e il raccoglimento di un monastero. Il dialogo epistolare che diventa abbraccio, libertà di confronto, adesione ad un progetto di avvicinamento. Christine de Pizan, prima scrittrice e storica, ha finalmente il suo meritato spaz

"Palazzo Leoni" Davide Ficarra Arkadia Editore

  Palazzo Leoni" Davide Ficarra Arkadia Editore " In via Cerafulli al Villaggio Santa Rosalia a Palermo, c'è un palazzo di otto piani, un condominio abbastanza moderno costruito poco dopo il 1960. In questo palazzo colorato di giallo ocra, con alcune parti dipinte in grigio scuro e bianco, ci sono diciotto appartamenti, due per ogni piano che in totale sono nove incluso il piano terra."   Nella Premessa di "Palazzo Leoni, pubblicato da Arkadia Editore, colpisce subito il tratto narrativo. Essenziale, descrittivo, immediato. Il lettore entra a far parte di una comunità, la conosce, la studia, ne intuisce le differenze caratteriali. Geniale l'idea di dividere il romanzo in capitoli che costituiscono piccoli racconti. Ognuno è dedicato ad un nucleo abitativo e segue un percorso ideativo differente. Incontreremo impiegati, vedove, piccoli commercianti, insegnanti. Nelle case, nelle stanze, negli spazi condominiali fluisce la vita con i suoi alti e bassi, i miste