Passa ai contenuti principali

"Una famiglia" Pascale Kramer Nutrimenti Editore

 



"Una famiglia" Pascale Kramer Nutrimenti Editore






"Romain aveva ricominciato a bere, o meglio ad annientarsi con l'alcol come aveva fatto fin dall'adolescenza con una costanza demenziale e una violenza verso sé stesso che tutti loro avevano pagato con anni e anni di inconsolabile senso di colpa."


Il figlio spurio nato dal matrimonio di Danielle, accolto da Oliver come un bambino suo.
"Una famiglia", pubblicato da Nutrimenti Editore nella Collana "Greenwich", tradotto da Luciana Cisbani, dà voce ai componenti del nucleo familiare.
Ognuno racconta un frammento di Romain, cerca di ricostruirne la personalità.
Mathilde, Lou, Èdouard hanno sentito il peso di una presenza oscillante, portano i segni di questa crepa.
Reagiscono con modalità differenti ma tutti sono assillati dai dubbi.
Cosa avrebbero potuto fare per salvare dell'abisso il fratello?
La vita scorre come una commedia già scritta ma manca proprio lui, il personaggio principale.
È sullo sfondo, una macchia sul bordo del foglio, una assenza fisica ma non psicologica.
C'è nel ricordo di giorni difficili, nei ricoveri nei centri di disintossicazione, nei furti e nelle infinite menzogne.
È stato l'elemento destabilizzante, l'orizzonte irraggiungibile.
Nella forza di Danielle si racchiuse la speranza di una madre, nel carattere mite di Oliver il bilanciamento di equilibri frantumati.
La scrittura varia impercettibilmente capitolo dopo capitolo a voler sottolineare la espressività dei personaggi.
Dosati i dialoghi, raccontano il prima come un sogno ad occhi aperti mentre la casa prova ad accogliere e ad abbracciare tutti.
Pascale Kramer, vincitrice del Gran Premio svizzero di letteratura 2017, entra in punta di piedi nelle dinamiche relazionali.
È rispettosa dei tempi e degli intoppi, delle paure e delle parole non dette.
Non giudica e non assolve ma la sua empatia è completa.
La percepiamo nella delicatezza delle descrizioni, nei gesti appena accennati, nel captare i sobbalzi dell'animo.
Quando il sipario sta per calare sentiamo che sta per svelarsi l'ultimo atto e silenziosi attendiamo le parole finali.
Arrivano impetuose e ci sommergono.
Anche noi coinvolti senza aver saputo decodificare il disagio.
Un romanzo tesissimo, dove non affiora mai il dolore.
È sotterraneo, profondo, incagliato nei recessi nascosti di ognuno di noi.

Commenti

Post popolari in questo blog

"I lupi dentro"Edoardo Nesi La Nave di Teseo

  "I lupi dentro" Edoardo Nesi La Nave di Teseo Non credo che "I lupi dentro", pubblicato da La Nave di Teseo, chiuda un cerchio. È il teatro che irrompe con la sua vitalità in una brillante ricollocazione dei personaggi che già conosciamo. Torna Fede Carpini che avevamo incontrato in "Fughe da fermo". Cambia lo scenario storico e politico, resta un'elegia malinconica che pervade le pagine. Si è conclusa un'epoca lasciando macerie e nelle vicende del protagonista è inscritta la traiettoria italiana. Ancora una volta Edordo Nesi ci regala un romanzo collettivo, una voce corale dove la memoria è un pericoloso cunicolo. Giocando sul passato e sul presente, sui cambiamenti di tonalità, sui falsi miti degli anni Ottanta, l'autore scolpisce quel che eravamo e quel che siamo diventati. Il tracollo economico è solo un pretesto per accendere le luci su un'economia che ha spazzato via un apparato produttivo fertile e creativo. Lo scrittore registra c

"Un giorno e una donna" Nicoletta Bortolotti Harper Collins Editore

  "Un giorno e una donna" Nicoletta Bortolotti Harper Collins Editore “Fammi aggrappare un istante all’àncora del tuo ancóra, e se di me non resterà niente nella memoria di altri, voglio che resti qualcosa nella tua. Voglio durare dentro di te un poco, tu che dentro di me sei durata la vita”. La Poesia incontra la Storia e nasce "Un giorno e una donna", pubblicato da Harper Collins Editore. Un merletto di fonemi su un tela preziosa. L'incanto di una scrittura che sa trasmettere emozioni. Il sussurro di un tempo complesso, il 1400, che diventa presente. La lirica di una città come Parigi che appare e scompare come uno scorcio di insopportabile bellezza. Una donna e il suo canto che sublima la maternità. Una figlia che ha scelto la distanza e il raccoglimento di un monastero. Il dialogo epistolare che diventa abbraccio, libertà di confronto, adesione ad un progetto di avvicinamento. Christine de Pizan, prima scrittrice e storica, ha finalmente il suo meritato spaz

"Tutto qui" Nicola Guarino Graphe.it Edizioni

  "Tutto qui" Nicola Guarino Graphe.it Edizioni  "È così Napoli, una voce che si spande vanamente." La scrittura di "Tutto qui", pubblicato da Graphe.it Edizioni, ha la consistenza di una brezza che si posa sugli oggetti con leggerezza. Di un canto d'altri tempi. Di profumi dimenticati. Di incontri che sfumano nel ricordo. Di sogni che si scontrano col reale. Di strade dove ognuno segue la sua ombra. Di silenzi assordanti. Di amori sfioriti e di abitudini stancanti. Di musiche segrete. Di partenze e scomparsi senza nome. Di stelle e di cieli infiniti. Di solitudini struggenti e di rimpianti nei cassetti. Nicola Guarino costruisce i racconti come fossero spezzoni di film. Li colloca in un Sud sconosciuto, filtrato dalla poetica di una memoria ancestrale. Un gesto, un incedere, un dettaglio nella perfezione di uno stile narrativo compatto e mai artefatto. Fotografie che " salvano dalla morte e dall'oblio."